Sistema Statistico Regionale
VENEZIA - DORSODURO   Rio dei Tre Ponti 3494/A
Vai alla versione in inglese  

La violenza contro le donne
durante il lockdown

L’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel 1999 ha designato il 25 novembre come Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne; oggi l’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile, nel suo Goal n.5, mira all’”eliminazione di tutte le forme di violenza contro le donne e le ragazze sia nella sfera pubblica che in quella privata”. In Veneto circa 1 donna su 3 (31,7%) ha subito qualche forma di violenza nel corso della vita: il 19,1% delle donne ha subito violenza fisica (schiaffi, spintoni, colpi,…), il 22,6% violenza sessuale (molestie, rapporti indesiderati, stupri) e il 5,4% le donne ha subito uno stupro. L’ambito meno visibile della violenza è quello domestico, in cui l’autore è il partner o l’ex partner della donna; considerando solo le violenze di tipo fisico o sessuale, in Veneto il 13% delle donne con partner o ex partner l’ha subita almeno una volta nella vita (13,6% in Italia).
La recente esperienza di confinamento domestico, dovuta alle restrizioni anti pandemia, ha acutizzato il fenomeno. L’Organizzazione mondiale della sanità, peraltro, evidenzia come nelle situazioni di crisi, come disastri naturali, guerre o epidemie, il rischio di violenza sulle donne tende ad aumentare. Le informazioni raccolte dal numero verde 1522 contro la violenza e lo stalking possono fornire alcune evidenze relative all’andamento del fenomeno della violenza domestica durante il periodo della pandemia. In Veneto il numero dei contatti nel periodo compreso tra marzo e giugno 2020 è aumentato rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente del 71,5%, passando da 506 a 868; 396 di questi sono segnalazioni di violenza da parte di vittime (+73% rispetto all’anno scorso). Occorre sottolineare che parte di tale incremento può attribuirsi alle campagne di sensibilizzazione e di informazione che hanno contribuito a far emergere il fenomeno.
In Veneto tutti i centri antiviolenza hanno proseguito le attività di sostegno riorganizzando i servizi: reperibilità e supporto telefonico e on line, colloqui in presenza scaglionati a turni, igienizzazione dei locali. Secondo i dati provvisori di Istat, il 13% delle nuove donne accolte tra maggio e giugno 2020 sono vittime di violenza nata o esacerbatasi a seguito delle conseguenze della pandemia (convivenza forzata, perdita del lavoro dell’autore o della donna, etc). Nello stesso periodo sono 53 le nuove donne accolte nelle Case rifugio, il 17% delle quali per violenze legate alla pandemia.
La violenza domestica è un importante fenomeno da monitorare, poiché a volte costituisce il preludio di esiti drammatici, fino alla morte della vittima. Considerando i dati sugli omicidi volontari in Veneto nel periodo 2016-2018, se la vittima è una donna, nella maggior parte dei casi (79,4%) l’autore è il partner o l’ex- partner oppure un altro parente; il contrario accade quando le vittime sono uomini, che sono perlopiù vittime di semplici conoscenti o sconosciuti (per il 64% dei casi).