Sistema Statistico Regionale
VENEZIA - DORSODURO   Rio dei Tre Ponti 3494/A
Vai alla versione in inglese  

PADOVA, CAPITALE EUROPEA DEL VOLONTARIATO

Dopo Barcellona in Spagna (2014), Lisbona in Portogallo (2015), Londra in Gran Bretagna (2016), Sligo in Irlanda (2017), Aarhus in Danimarca (2018) e, infine, Kosice in Slovacchia (2019), nel 2020 è Padova la capitale europea del volontariato, la prima città italiana a ottenere questo importante riconoscimento.
E’ un’occasione importante di confronto e incontro, in cui tutti gli attori sociali, pubblici e privati, sono chiamati a lavorare assieme, a condividere progetti, idee ed esperienze e rendere il Terzo Settore protagonista a livello internazionale; un’occasione di stimolo per il futuro del no profit e per dare risalto e riconoscimento al volontariato radicato nel territorio, all’impegno dei tantissimi volontari che garantiscono attività e servizi indispensabili per la cittadinanza. Anche in questo difficile momento di emergenza sanitaria, il contributo del volontariato si dimostra più che mai fondamentale e vitale per il Paese, fin da subito presenza attiva e affettuosa per far fronte alle difficoltà dei più fragili, uniti in una rete di solidarietà.
Secondo gli ultimi dati disponibili, nel 2017 in Veneto il 14,8% della popolazione di almeno 14 anni svolge attività gratuite per associazioni o gruppi di volontariato, una percentuale più alta rispetto al dato medio nazionale (10,4%) e in aumento rispetto a dieci anni prima.
Si parla di quasi 630mila persone che dedicano gratuitamente agli altri e alla comunità il loro tempo, le loro competenze, le loro energie. E i più generosi sono i giovani: gli under25 impegnati nel volontariato sono oltre 100mila, pari al 20,5% dei ragazzi veneti di 14-24 anni.



Gli enti del terzo settore iscritti ai registri regionali, che sono una parte del più vasto mondo del no profit, in Veneto al 31 dicembre 2019 sono oltre 4.900, tra organizzazioni di volontariato, associazione di promozione sociale e cooperative sociali.
Padova e provincia accolgono, rispettivamente, il 17% delle organizzazioni di volontariato, il 29% delle associazioni di promozione sociale e un quarto delle cooperative sociali del Veneto.