Sistema Statistico Regionale
VENEZIA - DORSODURO   Rio dei Tre Ponti 3494/A
Vai alla versione in inglese  

IL TURISMO IN VENETO NEL PERIODO GENNAIO-MAGGIO 2021

Il periodo gennaio-maggio 2021 si chiude per il turismo veneto con un -21,2% degli arrivi e un -11,2% delle presenze. Questo è il risultato del confronto con il 2020, che aveva ottenuto buoni risultati fino a febbraio, quando ha avuto inizio la pandemia. I flussi di aprile e maggio 2021 si dimostrano in forte crescita, ma i termini di paragone sono mesi di lockdown. È opportuno, quindi, osservare anche le variazioni rispetto alla situazione pre-pandemia, che evidenziano nei primi cinque mesi un -77,8% degli arrivi e un -72,1% delle presenze.

Periodo gennaio-maggio 2021

Tutte le destinazioni risentono del periodo di crisi, con un avvio dell’anno caratterizzato dall’impossibilità di varcare i confini: il Veneto torna in zona gialla a febbraio, con la conseguente riapertura dei confini comunali, a metà maggio aprono le spiagge e solo a giugno torna la zona bianca.
Le città d’arte segnano le perdite numericamente più rilevanti: rispetto al 2019, 16,6 milioni di presenze in meno nel 2020 e altri 6,7 milioni nei primi cinque mesi del 2021. Sempre rispetto all’ultimo anno di normalità, il lago di Garda, che solitamente ottiene già durante la primavera ampi consensi dai clienti d’oltralpe, perde nei primi cinque mesi del 2021 due milioni di presenze; le terme e la montagna perdono circa 850mila pernottamenti ciascuno.
Le strutture alberghiere nell’intero anno 2020 hanno avuto perdite importanti (circa 20 milioni di presenze in meno, -60,8%), così come le strutture extralberghiere (circa 19 milioni in meno, -48,9%). I primi 5 mesi del 2021, confrontati con lo stesso periodo del 2019, vedono la perdita di altri 8 milioni di presenze per il comparto alberghiero (-79,2%) e di altri 4 per il complementare (-61,7%).
Nel periodo gennaio-maggio 2021, rispetto allo stesso periodo pre-pandemia, le presenze straniere sono praticamente annullate (-86,8%), quelle italiane dimezzate (-46,2%).
Per un approfondimento si possono consultare le tabelle sul movimento turistico nel periodo gennaio-maggio 2021, confrontato con lo stesso periodo del 2020 e del 2019:

Anno 2020

L'anno 2020 si chiude per il turismo con perdite elevate, riassunte da un -61,1% degli arrivi e un -54,4% delle presenze, cioè dei pernottamenti. Ciò è dovuto soprattutto alla forte riduzione di turisti stranieri, che per il Veneto nel 2019 rappresentavano il 65,3% dei visitatori, e le cui presenze nel 2020 si contraggono del 68,3%, mentre quelle nazionali calano del 25,3%, nonostante i segni positivi di agosto (+8,6%) e di settembre (+0,5%).
Il 2020 era iniziato bene per il turismo veneto (gennaio +8,1% di presenze, febbraio +2,1%), ma poi la pandemia, il lockdown e le successive limitazioni agli spostamenti hanno determinato il crollo dei flussi turistici: marzo (-83,7%), aprile (-95,7%), maggio (-93,4%), giugno (-79%). A luglio inizia la ripresa, con numeri che comunque rappresentano la metà di quelli registrati a luglio 2019, ad agosto le presenze segnano un -28%, a settembre -31,9%, ad ottobre -58,7%, a novembre -73,3%, a dicembre -74,5%.
Tutte le destinazioni hanno risentito del periodo di crisi. Le città d'arte e le località termali appaiono le più colpite con una perdita delle presenze turistiche superiore al 65%: nel corso dell'anno le città d'arte hanno registrato 16,6 milioni di presenze in meno, la sola città di Venezia ne ha perse 9,4 milioni passando da 13 a 3,6 milioni (-72,5%); alle terme risultano 2,1 milioni di presenze in meno, cifra molto importante per questa tipologia di destinazione (-66,1%). La stagione balneare si conclude con flussi turistici molto inferiori a quelli usuali (11,6 milioni di presenze in meno), riassunti da un -45,9%. I pernottamenti nelle località del lago di Garda sono più che dimezzati (-56,6%), 7,4 milioni in meno. Il turismo in montagna ha avuto un buon avvio del 2020 prima della pandemia e perdite lievi in estate, all'insegna del distanziamento, ma la contrazione dei flussi è comunque pesante e pari a -24,2%, anche per l'impatto della chiusura degli impianti di risalita durante le festività natalizie.
Le strutture extralberghiere nell'anno 2020 hanno avuto delle perdite importanti (arrivi -54,7% e presenze -48,9%), ma meno rilevanti di quelle subìte dal comparto alberghiero (arrivi -64,7% e presenze -60,8%).
L'area del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene, che l'UNESCO ha dichiarato patrimonio dell'Umanità, registra nel 2020 un dimezzamento dei flussi turistici (-53,1% degli arrivi e -45,6% delle presenze).
Per un approfondimento si possono consultare le tabelle sul movimento turistico dell'anno 2020, confrontato con l'anno precedente:


Inoltre, la banca dati sul turismo è consultabile a