Sistema Statistico Regionale
VENEZIA - DORSODURO   Rio dei Tre Ponti 3494/A
Vai alla versione in inglese  

CONTINUA A CRESCERE LA SPESA VENETA IN R&S

L’ultima rilevazione Istat sulla spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) intra-muros in Veneto mostra che nel 2018 la spesa complessiva ammonta a quasi 2,3 miliardi di euro, in aumento del 7,4% rispetto all’anno precedente. Il primo settore istituzionale è quello delle imprese, che sostengono il 72,8% della spesa totale, e a seguire le università (21,8%), le istituzioni pubbliche (4,8%) e il settore non profit (0,6%).
La spesa è in crescita rispetto all’anno precedente in tutti i settori, fatta eccezione per il comparto non profit: i primi due settori, imprese e università, crescono rispettivamente del +7,1% e del +7,0% rispetto all’anno precedente, ma l’incremento maggiore è fatto registrare dalle Istituzioni pubbliche (+17,6%). L’andamento in calo della spesa in R&S delle istituzioni private non profit è condizionato dallo spostamento di alcune unità tra settori a seguito di eventi di trasformazione societaria e istituzionale.
Il Veneto è la quinta regione per spesa, dopo Lombardia, Lazio, Emilia-Romagna e Piemonte: insieme queste 5 regioni realizzano quasi il 70% della spesa italiana in R&S.
Cresce anche il personale impegnato in R&S intra-muros in Veneto nel 2018: le unità equivalenti a tempo pieno aumentano dell’8,6% annuo, dove a trainare sono ancora il settore delle imprese (+8,9%) e delle università (+9,6%).
Sul fronte della ricerca il Veneto nell’ultimo decennio ha fatto notevoli passi in avanti: con una quota di spesa in R&S su PIL dell’1,38% nel 2018 (1,43% in Italia) si sta avvicinando al target italiano fissato al 1,5%, ma è ancora lontano da quello europeo al 3%.