Sistema Statistico Regionale
Vai alla versione in inglese  
VENEZIA - DORSODURO   Rio dei Tre Ponti 3494/A

Storie di famiglie in Veneto

Le nostre infografiche


La famiglia italiana, pur mantenendo determinate peculiarità, nel tempo sta cambiando, assottigliandosi sempre di più e risultando quanto mai frammentata e destrutturata, come nel modello “nordico”. Anche in Italia vanno consolidandosi fenomeni che il Nord Europa sperimenta da tempo, come la riduzione dei matrimoni e l’aumento delle coppie di fatto, la diffusione delle famiglie allargate e la dissociazione tra genitorialità e coniugalità. Tuttavia, permangono alcune peculiarità del nostro sistema familiare, come la bassa fecondità, il progressivo posticipo della genitorialità e il ritardo con cui i figli lasciano la casa della famiglia di origine per crearne una propria.
Cambiano i tempi e i modi di fare famiglia, ma ciò non indica una crisi della famiglia come luogo delle relazioni affettive e come principale rete di sostegno; anzi, il ruolo della famiglia è sempre più centrale, anche a compensazione delle carenze del sistema di welfare pubblico.
Le famiglie in Veneto nel 2018 sono 2.087.166, il 5,1% in più rispetto a 10 anni prima e circa il doppio rispetto al 1971, ma sono decisamente più piccole. In quasi 50 anni il numero medio di componenti passa da 3,6 a poco più di 2: aumentano le famiglie unipersonali, soprattutto di anziani, e si riducono le famiglie numerose. La tradizionale coppia con figli rimane la forma familiare più diffusa: sono 717mila in Veneto nel 2017, in calo del 6% rispetto al 2007, mentre aumentano le coppie senza figli (+11%).
A causa della crescente instabilità coniugale si affermano nuove tipologie familiari, come le famiglie ricostituite e i monogenitori: le prime sono circa 103mila nel 2017, in aumento del 30% in dieci anni, mentre i monogenitori sono 202mila (+15%), il 36% dei quali ha almeno un figlio minore a carico.
Anche in Veneto ci si sposa sempre di meno e aumentano le coppie non coniugate: nel 2017 sono il 10% di tutte le coppie (erano il 6% nel 2007) e tra queste il 56% ha figli (27% nel 2007).
In Italia i giovani lasciano la famiglia di origine mediamente attorno ai 30 anni, quando in Svezia e Danimarca escono di casa già a 21 anni. D’altronde, la precarietà lavorativa e la crisi economica hanno amplificato l’incertezza sul futuro e le difficoltà per assicurarsi uno stipendio adeguato. In Veneto, iI 61% dei giovani tra i 18 e i 34 anni vive ancora in casa con i genitori (quasi 4 punti percentuali in più in 10 anni), rinviando così il proprio progetto di autonomia personale e familiare.

Per saperne di più, e sfoglia le nostre nuove infografiche.
Buona lettura!